TOO MUCH MONEY IN CURRENT ACCOUNTS

TOO MUCH MONEY IN CURRENT ACCOUNTS

Too much money in current accounts, mainly due to the fear generated by the COVID-19, has led Italian citizens to make large cash deposits in banks, derived from the sale of real estate, always considered a safe haventoo much money in current accounts

The panic we witnessed at the beginning of each lockdown, with the storming of supermarkets, was considered by us only the tip of the iceberg as the rest was happening on other fronts of greater importance such as the financial one, with the introduction of too much money on current accounts.

It is clear that the word “WAR”, triggered by politicians and top medical decision makers, brought back to the memory of many people the stories told by their grandparents who advised in case of adversity to be ready to turn real estate into fresh money and fresh money into valuables, useful in case of economic disaster or real war.

But this war to COVID-19 is not a war that can be fought with conventional weapons, but only with medical weapons and vaccines that, as much as they want to say, maybe they can really be the only way out of the path that points to the end of mankind.

In Italy its citizens have flooded with money their bank accounts for a total of about 17 billion euros, of which about 1500 billion are blocked and not moved in any way.

But the Italian citizen, frightened, and above all clueless in matters of finance, has not taken into account that by immobilizing his bank account he will see the total amount of his assets shrinking more and more due to inflation, the costs of maintaining a current account and above all the surprise that the Italian banks are preparing for the dormant savers as the lack of circulation of money will soon become a problem for the European Central Bank (ECB).

The European Central Bank, in order to be able to carry out an expansive policy in aid of European states, has had to introduce more liquidity by lowering interest rates to negative values, putting the Italian and European banking system in crisis, which must at all costs dispose of the money deposited in dormant or little-moved bank accounts in some way, in order to avoid incurring heavy monetary losses due to a real economy drugged by the virtual economy a very problem with too much money in current accounts.

In effect, our money is numbers stored in large processors, which is why there are two economies, the virtual economy and the real economy which is dominated by material money and which gives rise to liquidity in the real economy itself.

The ABI (Italian Banking Association), pointing out a little more than 1500 billion on accounts considered dormant or little moved, has highlighted the problem dictated by the maneuvers of the ECB to move the real economy, highlighting a real brake very dangerous for savers themselves, where the wealth “sterile” deposits obviously higher than small amounts that are around 100 thousand euros and up, generate in fact the cost of management bringing it to about 24 euros quarterly compared to pre-COVID-19 years.

Banks are beginning to advise their customers, at the urging of the ECB, to diversify their financial planning with medium and long term objectives, investing in profitable portfolios in terms of yield and putting money back into the financial markets, which in these months are subject to strong fluctuations but with minimal risks, contrary to what many may think.

What many people don’t understand is that keeping too much money in current accounts, now made non-interest bearing by unattractive interest rates that are almost zero, can only lead to a loss of about 18% of the value deposited.

The big problem is that Italians are a population of great savers but, contrary to many other European citizens more accustomed to financial operations, they always have a perception of risk that could lead them to monetary losses, not considering instead that in this way besides creating a damage to the real economy, they create it to themselves losing more or less the same amounts and not allowing themselves the possibility, also, of possible gains.

The banks, at this time have considered the forced closure of bank accounts with average balances that start from 100 thousand euros upwards for unmanaged savings with a unilateral amendment of their contract, using a legislative decree already in force since 1993 (385/93) and are providing to warn their account holders before giving course to an official communication. TOO MUCH MONEY IN CURRENT ACCOUNTS

The objective is therefore very clear and that is, to force dormant current account holders to move their current accounts by injecting fresh money into businesses but above all into investments of various kinds in the financial sector linked to the real economy, avoiding keeping too much money tied up in current accounts.

Some banks are about to introduce a rather heavy commission for the retention of dormant deposits and others are beginning to think about commissions proportional to the amounts on deposit, while others are actively considering, the closure of such bank current accounts in a mandatory manner.

The advice of many economists is to reinvest the money on deposit, giving again an interesting boost to the real estate sector, which is now affected by a 25% loss of value, also by buying real estate at auction at very interesting prices, especially for an eventual immediate resale, or to invest in medium and long term shares, or especially in valuables, which certainly the central banking system (ECB) will not be able to hit.

This is a good time to be able to ask for mortgages, loans and anything else that may be of interest to Italian banks for a monetary diversification and an excellent opportunity for those who intend to invest, never as now we could see such a possibility.

However, the problem raised by the Italian banks has rendered a further service to the offshore banks with their current accounts, where there is no interest rate on bank deposits or it is so low as to make it practically null, where the account keeping expenses are often non-existent or so low as to make their service interesting and above all, not creating problems for those who intend to keep their economic resources frozen, especially by using the so-called “safe current accounts” or “ciphered current accounts”.

.

verso la ripresa finanziaria

TROPPI SOLDI SUI CONTI CORRENTI

TROPPI SOLDI SUI CONTI CORRENTITroppi soldi sui conti correnti dovuti soprattutto alla paura generata dal COVID-19, ha portato i cittadini italiani ad effettuare ingenti versamenti di liquiditĂ  nelle banche, derivati dalla vendita degli immobili ritenuti da sempre un bene rifugioTROPPI SOLDI SUI CONTI CORRENTI

Il panico a cui abbiamo assistito ad ogni inizio di lockdown, con la presa d’assalto dei supermercati, era stato da noi ritenuto solo la punta dell’iceberg in quanto il resto stava avvenendo su altri fronti di maggior rilevanza come quello finanziario, con l’immissione di troppi soldi sui conti correnti.

E’ evidente che la parola “GUERRA”, innescata dai politici e dai responsabili al vertice delle decisioni mediche, ha riportato alla memoria di tante persone i racconti fatti dai loro nonni che consigliavano in caso di avversità di esser pronti a trasformare gli immobili in denaro fresco ed il denaro fresco in preziosi, utili in caso di disastro economico o di vera e propria guerra reale.

Ma questa guerra al COVID-19 non è una guerra che può essere combattuta con armi convenzionali, ma solamente con armi mediche e vaccini che per quanto se ne voglia dire, forse potranno essere veramente l’unica strada per uscire dal percorso che punta alla fine del genere umano.

In Italia i suoi cittadini hanno sommerso di denaro i loro conti correnti bancari per un totale di circa 17 miliardi di euro, di cui circa 1500 miliardi sono bloccati e non movimentati in alcun modo.

Ma il cittadino italiano, spaventato, e soprattutto sprovveduto in questioni di finanza, non ha tenuto presente che immobilizzando il proprio conto corrente bancario vedrà assottigliarsi sempre più la cifra totale del proprio patrimonio a causa dell’inflazione, dei costi di tenuta conto corrente e soprattutto della sorpresa che le banche italiane stanno preparando per i risparmiatori dormienti in quanto la mancanza di circolazione del denaro diverrà presto un problema per la Banca Centrale Europea (BCE).

La Banca Centrale Europea, per poter effettuare una politica espansiva in aiuto degli Stati europei, ha dovuto immettere maggiore liquiditĂ  abbassando i tassi di interesse su valori negativi, mettendo in crisi il sistema bancario italiano ed europeo che deve a tutti i costi disfarsi in qualche modo dei soldi depositati sui conti correnti bancari dormienti o poco movimentati, per evitare di incorrere in pesanti perdite monetarie dovute ad un’economia reale drogata dall’economia virtuale.

In effetti i nostri soldi sono numeri riportati in grandi elaboratori, ecco perché esistono due economie, quella virtuale e quella reale che è dominata dal denaro materiale e che dà corso alla liquidità nella stessa economia reale.

L’ABI (Associazione Bancaria Italiana), segnalando una giacenza poco superiore ai 1500 miliardi su conti considerati dormienti o poco movimentati, ha messo in luce il problema dettato dalle manovre della BCE per smuovere l’economia reale, evidenziando un vero e proprio freno molto pericoloso per i risparmiatori stessi, dove le ricchezze “sterili” dei depositi superiori ovviamente a cifre poco considerevoli che si aggirano dai 100 mila euro in su, generano in fatto di costo di gestione portandolo a circa 24 euro trimestrali rispetto agli anni pre COVID-19.

Le banche stanno iniziando a consigliare i propri clienti, dietro sollecitazione della BCE, perché mirino a diversificare la loro pianificazione finanziaria con obiettivi a medio e lungo termine, investendo in portafogli redditizi per rendimento e reimmettendo il denaro nei mercati finanziari che però sono soggetti in questi mesi a forti oscillazioni ma con rischi minimi contrariamente a quanto in molti possono pensare.

Ciò che in tanti non comprendono è che il tenere immobilizzati troppi soldi sui conti correnti, resi oramai infruttiferi da tassi di interesse poco appetibili e quasi azzerati, può solo portare ad una perdita di circa il 18% del valore depositato.

Il grande problema è che gli italiani sono un popolo di grandi risparmiatori ma, contrariamente a tanti altri cittadini europei piĂą avvezzi alle operazioni finanziarie, hanno sempre una percezione di rischio che potrebbe portarli a perdite monetarie, non considerando invece che in questo modo oltre che creare un danno all’economia reale, lo creano a loro stessi perdendo piĂą o meno gli stessi importi e non concedendosi la possibilitĂ , altresì, di possibili guadagni.

Le banche, in questo momento hanno preso in considerazione la chiusura coattiva dei conti correnti bancari con giacenza media che parte dai 100 mila euro in su per il risparmio non gestito con una modifica unilaterale del proprio contratto, avvalendosi di un decreto legislativo giĂ  in vigore dal 1993 ( 385/93 ) e stanno provvedendo ad avvisare i propri correntisti prima di dar corso ad una comunicazione ufficiale. TROPPI SOLDI SUI CONTI CORRENTI

L’obiettivo è quindi molto chiaro e cioè, costringere i correntisti dormienti a movimentare i propri conti correnti immettendo denaro fresco nelle imprese ma soprattutto in investimenti di vario genere del settore finanziario legato all’economia reale, evitando di tenere immobilizzati troppi soldi sui conti correnti.

Alcune banche stanno per introdurre una commissione piuttosto pesante per il trattenimento delle giacenze dormienti ed altre stanno iniziando a pensare a commissioni proporzionali alle cifre in deposito, mentre altre stanno considerando attivamente, la chiusura di tali conti correnti bancari in maniera inderogabile.

Il consiglio di molti economisti è di reinvestire il denaro giacente dando nuovamente una spinta interessante al settore immobiliare colpito ormai da un 25% di perdita del proprio valore, anche acquistando immobili all’asta a prezzi veramente interessanti soprattutto per un’eventuale rivendita subitanea o di investire in azioni a medio e lungo termine o soprattutto in preziosi che certamente il sistema bancario centrale ( BCE ) non potrĂ  colpire.

Questo è il momento buono per poter richiedere mutui, finanziamenti e quant’altro possa essere di interesse per le banche italiane per una diversificazione monetaria ed un’ottima occasione per chi intende investire, mai come adesso si poteva evincere una simile possibilitĂ .

Il problema sollevato dalle banche italiane ha però reso un ulteriore servizio alle banche offshore con i loro conti correnti, dove non c’è tasso di interesse sui depositi bancari o è talmente basso da renderlo praticamente nullo, dove le spese di tenuta conto spesso sono inesistenti o talmente basse da rendere interessante il loro servizio e soprattutto, non creando problemi a chi intende mantenere congelate le proprie risorse economiche soprattutto avvalendosi dei cosiddetti “conti correnti cassaforte” o “conti correnti cifrati”.

.

verso la ripresa finanziaria

Trasferire soldi all’estero

Trasferire soldi all’estero ?
Proteggiamo il nostro denaro
E’ possibile spostare i soldi, vediamo come farlo legalmente

Soldi all'estero - Proteggiamo il nostro denaro - Trasferire valuta legalmente,Trasferire soldi,Trasferire soldi all'estero

Iniziamo con lo sfatare il falso mito di chi dice che  trasferire soldi all’estero e cioè portare via dal nostro Paese di residenza il nostro denaro è un’operazione illegale, nello stesso modo di chi fino ad oggi vi ha fatto credere che aprire un conto personale in Unione Europea fosse sia illegale, che impossibile.

Niente di piĂą falso ! ! !

Bisogna invece dire  che trasferire soldi all’estero è un’operazione del tutto legale, se si agisce in conformità alle leggi vigenti e le somme di denaro sono state ottenute legalmente.

Così come aprire conti bancari all’estero, anche offshore, richiedere carte di credito anche non tracciabili e disporre dei propri soldi liberamente, cosa che in molti Paesi ormai non è piĂą possibile o per lo meno limitato e si continua a perseguire la strada di cercare di sottrarre il bene privato arrivando a contestare addirittura la legittimitĂ  della proprietĂ  privata.

Se i capitali di cui siete in possesso è dimostrabile che è stato guadagnato onestamente, pagando i dovuti tributi, qualsiasi somma potrĂ  essere trasferita all’estero per mezzo di normalissimi canali, soprattutto bancari, anche se solitamente fanno resistenza in quanto gli state sottraendo guadagni nel trasferire soldi all’estero.

Una cosa non bisogna dimenticarsi mai, e cioè che in fase di dichiarazione dei redditi annuali, nel riquadro RW bisognerà indicare la banca dove vengono detenuti i capitali, il Paese dove è allocata la banca e la giacenza media annuale calcolata al momento della dichiarazione reddituale.

Per chi è italiano, questa breve regola, vi metterĂ  al riparo da problematiche che effettivamente potrebbero altrimenti far evincere l’esportazione irregolare o l’occultamento al fisco del vostro Paese di residenza, del denaro regolarmente spostato fuori dai confini del vostro Stato e per chi se lo stesse domandando, un normale commercialista sarĂ  in grado di compilare il quadro RW del modello Redditi PF se non il vostro ufficio del personale dell’azienda per la quale lavorate e che vi sta versando l’eventuale stipendio su quel conto corrente.

Siamo a ricordarvi che entro il 31 dicembre di ogni anno, bisognerĂ  evadere l’IVAFE e cioè un’imposta sui conti correnti bancari detenuti all’estero che per il privato cittadino ammonta a circa 34 euro per ciascun conto e per le attivitĂ  finanziarie nella misura del 2 per mille; qualora l’importo non superi annualmente i 5000 Euro l’IVAFE per i conti correnti personali non dovrĂ  essere pagata.

Le informazioni di cui sopra, molte aziende senza scrupoli, pur di raccogliere il maggior numero di clienti evita sicuramente di comunicarle e questo dovrebbe giĂ  farci comprendere che forse non c’è trasparenza.

Sono molteplici le cause che possono motivare una persona a trasferire somme di denaro che le appartengono e avere i propri capitali in un Paese senza o con minimi controlli valutari e fiscali permette di avere sempre la disponibilitĂ  immediata per fare un affare e soprattutto vi permette di mettere al riparo i vostri capitali, anche qualora fossero esigui, dal Bail In e da un’eventuale pericolo di default del vostro Paese.

C’è da dire però, che per trasferire il denaro verso Paesi considerati “Paradisi Fiscali” è però importante informarsi adeguatamente, perchĂ© le regole sono diverse da Paese a Paese, ed inoltre sono a volte determinate dai trattati firmati da tali Paesi con alcune altre Nazioni.

Il denaro può transitare verso l’estero in maniera  assolutamente legale.

PER CONTANTI
A questo punto penserete: “ma voi della SHADOIT CONSULTANCY GROUP siete impazziti ?”

La nostra risposta è: “NO, E’ TUTTO PERFETTAMENTE LEGALE”

In quasi tutti i Paesi, per trasferire soldi all’estero, Ă© possibile uscire e entrare con una somma di denaro contanti a 9.999 euro o dollari compreso il denaro che avete nel vostro portafogli, in quanto in sede doganale possono contestare anche le somme detenute nel portafogli se il totale vi porta a superare la cifra indicata prima.

Se la somma trasportata fosse superiore, bisogna obbligatoriamente dichiararla molto prima alla dogana, spiegandone la provenienza accertata con documentazione idonea spesso rilasciata dalla vostra banca, per non incorrere in sanzioni che possono arrivare fino al 50% della somma eccedente.

CON TRASFERIMENTO BANCARIO
Pochi sanno che il trasferimento verso un conto estero con un semplice bonifico bancario, anche internazionale, non comporta alcun limite nè alcuna dichiarazione a seguito della perfetta tracciailitĂ  per poter trasferire soldi all’estero.

CON L’INVIO DI DENARO
Per trasferire soldi all’estero ci si può anche affidare a compagnie che si occupano specificamente di questo, come Western Union, MoneyGram ed altre.

I nostri consulenti sono a vostra completa disposizione, se siete seriamente interessati non pensateci e contattateci

Trasferire soldi all'estero - soldi - estero - Financial News - Trasferire soldi - denaro