Malta knights and Freemasons

Malta, Knights and Freemasons - Knight - little businessman - Freemason - World NewsMalta, Knights and Freemasons, a combination that in other times would not have caused a stir but rather the belief that cathedrals were erected by humble stonemasons enslaved to the Knights once Templars, then Knights of Rhodes and finally Knights HospitallersLoss of work - work - Italy - World News

Malta, little businessman, Knights and Freemasons are nowadays for those who would like to enter the two Institutions, a very difficult goal to reach because to enter the Hospitaller Knights it should be necessary to have the requisites of economic solidity, a real degree and not the ones you buy in Swiss markets or universities for a fee, a noble title or in any case to be honest and good people even if not graduated.

The title of nobility is cited as indispensable to join the Order of the Knights Hospitallers of Malta, but we remind everyone that one inherits it only from one’s father and not from one’s mother by attaching the title of nobility to one’s father’s surname because it is fraudulent, to be one of those people dedicated to good works if they have the financial requirements and not living on gimmicks and subsidies from the State of Malta because no lieutenants or even worse, on gimmicks by boasting non-existent titles in neighbouring countries in order to collect what thousands of euros to survive.

The same is true for those who wish to enter the Institution of Freemasonry, an institution even older than the Knights Templar, where, as also described in the Holy Bible, the Talmud and the Koran (Old Testament), an architect in the service of King Solomon, made available its existence to erect a Temple enslaved by free masons (the ancient stonemasons) and later the same institution first made itself available to the Knights Templar and then later passed into the service of the various knightly orders that today boast of Malta.

The beautiful cathedrals, but above all the walls of the ancient defence of the three castles of Valletta still bear the tangible signs of the Freemasons (rock and stone workers) who actively participated in the realization of works still present today and whose wonders are the pride of the island of Malta.

But of all this history, as always, the Holy Roman Church, which should only be a shepherd of souls and not enslaved to vice, to money, to subjugate Catholic populations because we are no longer at the time when the Pope had power of life and death over his subjects, with to this day, the apologies to the Catholics by successive Popes, still exerts a strong and close influence on the Maltese population and on Malta itself.

The Freemasons in Italy, are legally recognized as a result of respect for the Anselmi law, which prevents anyone from operating in secret and imposes that every Freemason, Masonic association and/or Masonic Obedience self-declaration at the Prefecture, notifying the Ministry of the Interior so that it can be demonstrated that they are not affiliated with Mafia gangs, but that they are transparent and legal in accordance with the laws of the State.

The laws of all the Republican States that call themselves democratic, grant freedom of worship, freedom of speech, freedom of race so that no one can feel the victim of persecution and they are all countries that fortunately belong to Europe and to many other prestigious nations such as the United States of America, Australia and so on, apart from totalitarian countries where even the professing of a religion becomes an object of crime.

The Freemasons embrace as brothers the Muslims, the Jews, the Catholics and bow before the three sacred books without any constraint, but with spontaneity and sincere heart on a par with the Knights of Malta, They question the impositions of the Holy Roman Church that still carries out in the 21st century, interference due to the denial of the archaeological and scientific discoveries that undermine the New Testament and not the respect for the Old Testament that we can find in all three sacred books of primary monotheistic religions.

This is the only difference between the Knights Hospitallers of Malta and the Freemasons, the former accept the interference of the Holy Roman Church and the Freemasons question them democratically and freely while respecting the teachings of the Old Testament and bending over the Churches in front of the altars marking themselves with the cross before the figure of Christ, bowing before the Talmud and bowing in prayer in respect of the Koran.

Today we will tell you a fairy tale, close to what may have been the reality for a little businessman who, as a Freemason, had never missed the teachings of his religious and Institutional Creed and thought he was still living in the past, where respect for the Knights was an ordinary thing and above all believing in their words that they should have been sincere and come out of a pure heart, a fairy tale of our days very relevant to the Knight.

Today we are going to tell you a fairy tale, close to what may have been the reality for a little businessman who, as a Freemason, had never missed the teachings of his religious and Institutional Creed and thought he was still living in the past, where respect for the Knights was an ordinary thing and above all believing in their words that they should have been sincere and come out of a pure heart, a fairy tale of the present day very relevant to the Knights Hospitallers of Malta, the Freemasons and the intrigues that host the most vile figures in this fairy tale told in a modern key.

But let us remember, though a fable of fantasy that does not want to offend anyone or besmirch the honour of any institution and is the fruit of freedom of thought and freedom of speech, but still a fable that could also be reflected with reality and the key to interpretation, each of us can give it to ourselves thinking of Malta, Knights and Freemasons.

One day, a small computer entrepreneur and Freemason who was beginning to approach the internationalization of companies, the registration of companies abroad and was fascinated by the financial world that could help and unblock the financial problems of many companies in difficulty but with interesting projects, came into contact with a person who professed to be a Knight and said he was a lawyer and doctor because he belonged to a noble family.

The two, began to feel more and more often and the little businessman began to open up and trust the Knight mindful that the latter, by oath, could never hurt him but rather, with his sword could offer him protection in a new world of which the Knight had always spoken to him showing him a world where true freedom and democracy was common practice and that the island was not a dream but a true Earthly Paradise of justice and mutual respect.

Malta, Knights and Freemasons, where the little businessman pointed out to the Knight that he was not rich but a hard worker, esteemed by many people because he was honest and that he was approaching the financial world fearfully so as not to make mistakes but, he was not in a position to leave his country if he did not have the opportunity to work and support himself by moving to the island of his dreams.

The Horseman, strong of his boastful titles that later turned out to be all fake, made him meet with someone he called a great mussel farmer, yes, you understand correctly, a mussel farmer who had a big company and was very rich and would have liked to be able to open a company in the paradise island by making it run by an honest person of trust.

The Knight convinced the little businessman to trust him and made him get an honest contract that would allow him to live normally on the island and take care of the business of the big mussel farmer who first wanted a bar and restaurant and then changed his mind and wanted to become an established manager for a bed & breakfast.

The little businessman, he let himself be convinced and left his homeland strong of a good contract and the word of the great mussels entrepreneur, who should never have regretted the choice because the Knight was also a lawyer (bogus by title) of his big company and nothing could endanger his future.

Arrived on the island paradise, the little businessman began to respect all the points of the contract under the direct control of the Knight and an accountant who was responsible for the respect of the contract and when he began to turn the island to set up the bed & breakfast he heard that the great mussels entrepreneur could not spend 800,000 euros for a structure with legal concessions but, having an apartment for rent, he would have liked to rent the beds and so on by renting other properties but making a crime to the little businessman who refused.

The poor little businessman looked and hoped for the wisdom of the Knight and began to doubt who he was and, as a good Mason, asked questions to other Freemason brothers who were hiding on the island and in his country of origin, discovering that the great mussel businessman was nothing but a scoundrel who had taken advantage of his good faith and who, having been discovered, had suspended the payment of his quarterly debt.

The Knight that the little businessman admired, was none other than a braggart who pretended to be noble but who had nothing noble but a mountain of lies, that the Knight was not a lawyer but that he had given 1 (one) only examination in jurisprudence and that he was not accredited to any legal order neither in his country of origin, nor in the island nor in the neighbouring countries, that the Knight had also lied about his profession as a doctor because he was not a doctor but had been a nurse in a clinic on the island in the past and that he had resigned saying that he wanted to enrich himself with business then imaginary or small results and that he lived by getting paid for bogus advice thanks to the false references he gave in the country of origin of the little businessman.

Malta, Knights and Freemasons, where the little businessman felt he was dying and had another small heart attack, where among tears and praying like a good Catholic, he told his wife to take him back to his country because that was where he wanted to die, yes, because in the past he had had three of great importance that had led him almost to leave his loved ones to reach the God.

The discoveries that he had made had destroyed him and he was afraid for the survival of his family and his children, he had brought them to the island and he wondered how he could live since he had closed all the old contracts to honor the one with the great mussel contractor.

He cried in the silence of the night, he felt himself dying for the fate that could touch his children and his wife and icing on the cake, one fine day, the little businessman, on the phone with the great mussel entrepreneur, who gave money for no reason whatsoever to the Knight, told him that the Knight was not who he said he was and that he was not a “c…o” of noble but a boaster and that he would have done well to look at him too and above all, to be honest with his wife and confess to her all the handouts made.

The little businessman had not yet understood that the large mussel entrepreneur was in cahoots with the Knight and that he would later blackmail him with more than one email and whatsapp messages, writing him that he had recorded the phone call and attempted extortion by saying that the Knight, his lawyer, had told him that the business of the little businessman who regularly paid taxes to the British crown was fake and that he wanted money.

The little businessman was surrounded by a gang of thugs and since he had not paid the extortion, he heard from a brother in Freemason’s sleep and presented himself as a government, that the Knight had gone to him and told him that the poor little businessman had tried and made money laundering and that he was in a position to ruin him if it was true.

The little businessman handed over all the papers of his British company and all his email correspondence, as well as all the whatsapp conversations he had with the Knight and the great mussel entrepreneur, handed over all his personal and corporate statements to prove that he was a man of good morals, an honest person who tried to work honestly in compliance with all international laws.

The Government or the one who still thought he was, after due diligence and after seeing that the little businessman was an honest man and that he had promptly proved it to him within ten minutes by handing everything over to him by email, when he heard the little businessman ask for justice because he had been falsely accused of a serious crime he had never committed, he simply replied that he wanted to stay out of it and that he did not want to be involved in it… a real coward, nothing but a sleeping Freemason brother.

The Horseman, threatened the little businessman two days later, telling him that he would even take the Vatican police as well as the police of the island to his home, but the little businessman who had nothing to hide because in the meantime he had already warned his lawyers in his country and the Freemasons brothers of the island who are forced to hide for fear of retaliation by religious and government bodies and the Freemasons brothers of his home country and Great Britain where the top of Freemasonry is the most important figure in the world, did not compromise and did not take an interest in the threats of the Knight.

At that point, he turned to the superior of the Knights asking to be put before the Masonic tribunal in conjunction with the tribunal of the Knights for justice, but since the Knight had created a false knightly order in the country of origin of the little businessman, with the help of a former Senator of the State of the little businessman, the superior of the Knights told him that nothing was in his power but to give him moral support as he should to a brother who had suffered so many wrongs.

The little businessman, in order to save his family more than himself, and fearing for the safety of his loved ones, since the Knight also had deep roots in an island of the Country where the little businessman came from but where the Mafia had always been the boss, decided to return immediately to his country by making himself available to his competent authorities and talking to a representative of his State.

The little businessman never gave in to blackmail, extortion, attempts to intimidate the Mafia that he had suffered on the island, but when he returned to his own country, he began again in small steps in the slow recovery he and his family turning to the authorities who, investigating, would then find a diplomatic incident in his stories and above all proven what he had told.

The Horseman, the great mussel entrepreneur, thought that everything had been solved with the silence of the little businessman who, instead, was asking the British State to investigate the blackmail and attempted extortion perpetrated against him as Director of an English company.

Too bad only that the accountant and superior of the Knight, at first he had listened and comforted his brother as true knights do, then, it is not understood for what reason, he started to move away and then disappear into thin air with the regret and displeasure of the little businessman.

And as one would say in such cases: This fairy tale has not yet had a negative outcome, nor a positive epilogue, but the ending is still to be written and above all, we would like to remind the Freemasons who is in charge of Freemasonry in Great Britain and that no one can be above the laws of a state governed by law or must be forced to hide because he is a Freemason.

We only hope that this will be understood as a fairy tale and that no one will ever have to end up like the sad journalist Daphne Caruana Galizia as they had let the little businessman understand.

We, always remembering that this is a fairy tale and therefore an expression of fantasy, are to remind everyone that “Any reference to existing people and places or to facts that really happened is purely random” and nothing can be linked to Malta, Knights and Freemasons.

ADT London 25 January 2020Malta, Knights and Freemasons - Knight - little businessman - Freemason - World News

Malta, Cavalieri e Massoni

Malta, Cavalieri e Massoni - Cavaliere - Imprenditore - Massone - World News - NewsMalta, Cavalieri e Massoni, un connubio che in altri tempi non avrebbe sollevato scalpore ma bensì il convincimento che venivano erette cattedrali da umili scalpellini asserviti ai Cavalieri un tempo Templari, poi Cavalieri di Rodi ed infine Cavalieri OspitalieriMalta, Cavalieri e Massoni - Cavaliere - Imprenditore - Massone - World News - News

Malta, Cavalieri e Massoni sono al giorno d’oggi per chi vorrebbe entrare nelle due Istituzioni, una meta ben difficile da raggiungere perché per entrare nei Cavalieri Ospitalieri dovrebbe essere necessario avere requisiti di solidità economica, una laurea vera e non di quelle che si comprano nei mercatini o nelle università svizzere a pagamento, un titolo nobiliare o comunque essere persone oneste e di buoni costumi anche se non laureate.

Si cita il titolo nobiliare in quanto indispensabile per entrare a far parte dell’Ordine dei Cavalieri Ospitalieri di Malta, ma ricordiamo a tutti che si eredita solo dal padre e non dalla madre attaccando il titolo nobiliare al cognome del padre perché è fraudolento, essere di quelle persone dedite alle opere di bene qualora se ne abbiano i requisiti finanziari e non vivendo di espedienti e di sovvenzioni dello Stato di Malta perché nulla tenenti o ancor peggio, di espedienti millantando titoli inesistenti in Paesi vicini pur di raccattare quale migliaio di euro per sopravvivere.

Lo stesso dicasi per coloro che desiderano entrare nell’Istituzione della Massoneria, un’Istituzione ancora più antica dei Cavalieri Templari, dove, come anche descritto nella Sacra Bibbia, nel Talmud e nel Corano (Antico Testamento), un architetto al servizio di Re Salomone, mise a disposizione la sua esistenza per erigere un Tempio asservito da liberi muratori (gli antichi scalpellini) ed in seguito la stessa Istituzione si mise a disposizione prima dei Cavalieri Templari per poi in seguito passare al servizio dei vari ordini cavallereschi oggi vanto di Malta.

Le bellissime cattedrali, ma soprattutto le mura dell’antica difesa dei tre castelli di Valletta portano ancora i segni tangibili dei Massoni (lavoratori del masso, della pietra) che parteciparono attivamente nella realizzazione di opere ancora oggi presenti e le cui meraviglie sono vanto dell’isola di Malta.

Ma di tutta questa storia, come sempre, la Santa Romana Chiesa che dovrebbe essere solo pastore di anime e non asservita al vizio, ai soldi, al sottomettere popolazioni cattoliche in quanto non siamo più al tempo in cui il Papa aveva potere di vita e di morte sui suoi sudditi, con ad oggi, le scuse ai cattolici da parte dei Papi che si sono succeduti, ancora esercita una forte e stretta influenza sulla popolazione maltese e su Malta stessa.

I Massoni in Italia, sono legalmente riconosciuti a seguito del rispetto della legge Anselmi, che impedisce a chiunque di operare in segreto ed impone che ogni Massone, associazione Massonica e/o Obbedienza Massonica l’autodenuncia presso la Prefettura, dandone comunicazione al Ministero degli Interni affinché si dia prova della non affiliazione a cosche mafiose, ma di trasparenza e legalità dell’Istituzione stessa nel rispetto delle leggi dello Stato.

Le leggi di tutti gli Stati repubblicani che si dicono democratici, concedono libertà di culto, libertà di parola, libertà di razza affinché nessuno possa sentirsi vittima di persecuzioni e sono tutti Paesi appartenenti fortunatamente all’Europa ed a tante altre prestigiose Nazioni come gli Stati Uniti d’America, l’Australia e così via a parte i Paesi totalitari dove anche il professare una religione diviene oggetto di reato.

I Massoni abbracciano come fratelli i mussulmani, gli ebrei, i cattolici e si inchinano davanti ai tre libri sacri senza costrizione alcuna, ma con spontaneità e cuore sincero al pari dei Cavalieri di Malta, ma pur inchinandosi davanti ai libri sacri, mettono in discussione le imposizioni della Santa Romana Chiesa che compie ancora nel XXI secolo, ingerenze dovute alla negazione delle scoperte archeologiche e scientifiche che ne minano il Nuovo Testamento e non il rispetto del Vecchio Testamento che possiamo ritrovare in tutti e tre i libri sacri delle religioni monoteiste primarie.

Ecco l’unica differenza esistente tra i Cavalieri Ospitalieri di Malta ed i Massoni, i primi accettano le ingerenze della Santa Romana Chiesa ed i Massoni le mettono in discussione democraticamente e liberamente pur rispettando gli insegnamenti dell’Antico Testamento e piegandosi nelle Chiese davanti agli altari segnandosi con la croce davanti alla figura del Cristo, inchinandosi davanti al Talmud e piegandosi in preghiera nel rispetto del Corano.

Oggi vi racconteremo una favola, vicina a ciò che può esser stata la realtà per un piccolo imprenditore che da Massone, mai aveva mancato agli insegnamenti del proprio Credo religioso ed Istituzionale e pensava di vivere ancora nel passato, dove il rispetto ai Cavalieri era cosa ordinaria e soprattutto credere nelle loro parole che sarebbero dovute essere sincere ed uscite da un cuore puro, una favola dei giorni nostri molto attinente ai Cavalieri Ospitalieri di Malta, ai Massoni ed agli intrighi che ospitano le più vili figure presenti in questa favola raccontata in chiave moderna.

Ma ricordiamo, pur sempre una favola di fantasia che non vuol offendere nessuno né infangare l’onorabilità di nessuna Istituzione ed è frutto della libertà di pensiero e libertà di parola, ma pur sempre una favola che potrebbe anche rispecchiarsi con la realtà e la chiave di lettura, ognuno di noi potrà darsela da solo pensando a Malta, Cavalieri e Massoni.

Un giorno, un piccolo imprenditore informatico e Massone che stava iniziando ad affacciarsi all’internazionalizzazione delle imprese, alla registrazione delle imprese all’estero ed era affascinato dal mondo finanziario che poteva aiutare e dare sblocco alle problematiche finanziarie di tante aziende in difficoltà ma con progetti interessanti, entrò in contatto con una persona che si professava Cavaliere e diceva di essere un avvocato e medico in quanto appartenente ad un nobile casato.

I due, iniziarono a sentirsi sempre più spesso ed il piccolo imprenditore iniziò ad aprirsi ed a fidarsi del Cavaliere memore che quest’ultimo, per giuramento, mai avrebbe potuto fargli del male ma che anzi, con la sua spada gli avrebbe potuto offrire protezione in un nuovo mondo di cui il cavaliere gli aveva sempre parlato facendogli vedere un mondo dove la vera libertà e democrazia era prassi comune e che l’isola non era un sogno ma un vero Paradiso Terrestre di giustizia e rispetto reciproco.

Il piccolo imprenditore fece presente al Cavaliere che lui non era ricco ma era un gran lavoratore, stimato da tante persone perché onesto e che si stava avvicinando al mondo finanziario timorosamente per non sbagliare ma, non era nella condizione di lasciare il proprio Paese se non avesse avuto la possibilità di lavorare e sostenersi spostandosi nell’isola dei suoi sogni.

Il Cavaliere, forte dei suoi millantati titoli rivelatasi in seguito tutti falsi, lo fece incontrare con uno che Lui definiva un grande imprenditore di mitili, sì, avete capito bene, un coltivatore di mitili che aveva una grande azienda ed era ricchissimo ed avrebbe voluto poter aprire una società nell’isola paradisiaca facendola gestire da un’ onesta persona di fiducia.

Il Cavaliere convinse il piccolo imprenditore a fidarsi di Lui e gli fece ottenere un contratto onesto che gli avrebbe consentito di vivere normalmente nell’isola e badare agli affari del grande imprenditore di mitili che prima voleva un bar ristorazione ed in seguito cambiò idea e voleva diventare un affermato manager per interposta persona di un bed & breakfast.

Il piccolo imprenditore, si lasciò convincere e lasciò la sua Patria forte di un buon contratto e della parola del grande imprenditore di mitili, che mai si sarebbe dovuto pentire della scelta in quanto il Cavaliere era anche avvocato (fasullo per titolo) della sua grande azienda e nulla avrebbe potuto mettere in pericolo il suo futuro.

Arrivato sull’isola paradisiaca, il piccolo imprenditore iniziò rispettare tutti i punti del contratto sotto il diretto controllo del Cavaliere e di un commercialista che era responsabile del rispetto del contratto e quando iniziò a girare l’isola per mettere in piedi il bed & breakfast si sentì dire che il grande imprenditore di mitili non poteva spendere 800.000 euro per una struttura con concessioni legali ma, che avendo un appartamento in affitto, avrebbe voluto affittare i posti letto e così via affittando altri immobili ma facendo compire a quel punto, un reato al piccolo imprenditore che si rifiutò.

Il povero piccolo imprenditore guardava e sperava nella saggezza del Cavaliere iniziando a dubitare sul chi fosse e, da buon massone, pose delle domande ad altri fratelli Massoni che si nascondevano nell’isola e nel suo Paese di provenienza, scoprendo che il grande imprenditore di mitili non era che un farabutto che si era approfittato della sua buona fede e che vistosi scoperto gli aveva sospeso il pagamento del dovuto trimestrale.

Il Cavaliere che il piccolo imprenditore ammirava, non era altri che un millantatore che si spacciava per nobile ma che di nobile non aveva nulla se non una montagna di bugie, che il Cavaliere non era un avvocato ma che aveva dato 1 (uno) solo esame in giurisprudenza e che non era accreditato a nessun ordine legale né nel Paese della sua provenienza, né nell’isola e nemmeno nei Paesi confinanti, che il Cavaliere aveva mentito anche sulla sua professione di medico in quanto non medico ma bensì era stato infermiere in una clinica dell’isola in tempi passati e che si era licenziato dicendo di volersi arricchire con affari poi risultati immaginari o di poco conto e che viveva facendosi pagare per fasulle consulenze grazie alle false referenze che dava nel Paese di provenienza del piccolo imprenditore.

Il piccolo imprenditore si sentì morire ed ebbe un nuovo piccolo infarto, dove tra le lacrime e pregando da buon cattolico, disse alla moglie di riportarlo al suo Paese perché era là che voleva morire, già, perché nel passato ne aveva avuti tre di grande importanza che lo avevano portato quasi a lasciare i suoi cari per raggiungere il Padre Eterno.

Le scoperte che aveva fatto lo avevano distrutto ed aveva paura per la sopravvivenza della propria famiglia e dei propri figli, li aveva portati nell’isola e si domandava come avrebbe potuto vivere visto che per essere persona di parola aveva chiuso tutti i vecchi contratti per onorare quello con il grande imprenditore di mitili.

Piangeva nel silenzio della notte, si sentiva morire per la sorte che avrebbe potuto toccare i suoi figli e la sua moglie e ciliegina sulla torta, un bel giorno, il piccolo imprenditore, al telefono con il grande imprenditore di mitili, che regalava soldi senza motivo alcuno al Cavaliere, gli disse che il Cavaliere non era chi diceva di essere e che non era un “c….o” di nobile ma un millantatore e che avrebbe fatto bene dal guardarsene anche Lui e soprattutto, essere sincero con la propria consorte e confessargli tutte le elargizioni fatte.

Il piccolo imprenditore non aveva ancora compreso che il grande imprenditore di mitili era in combutta con il Cavaliere e che in seguito lo avrebbe ricattato con più di una email e messaggi whatsapp, scrivendogli di aver registrato la telefonata e tentato un’estorsione dicendo che il Cavaliere, suo avvocato, gli aveva detto che l’azienda del piccolo imprenditore che pagava regolarmente le tasse alla corona britannica era fasulla e che voleva dei soldi.

Il piccolo imprenditore, si vedeva accerchiato da una banda di delinquenti e dato che non aveva pagato l’estorsione, si sentì dire da un fratello in sonno Massone e presentatosi come Governativo, che il Cavaliere era andato da lui dicendogli che il povero piccolo imprenditore aveva tentato e fatto riciclaggio e che era in condizioni di rovinarlo se fosse stato vero.

Il piccolo imprenditore consegnò tutte le carte della sua azienda britannica e tutta la sua corrispondenza email, nonché tutte le conversazioni whatsapp avute con il Cavaliere e con il grande imprenditore di mitili, consegnò tutti i suoi estratti conto personali ed aziendali per dimostrare che lui era un uomo di buoni costumi, una persona onesta che cercava di lavorare onestamente nel rispetto di tutte le leggi internazionali.

Il Governativo o colui che pensava ancora esserlo, dopo i dovuti accertamenti e dopo aver visto che il piccolo imprenditore era un uomo onesto e che glielo aveva prontamente dimostrato nel giro di dieci minuti consegnandogli tutto per email, quando sentì il piccolo imprenditore richiedere giustizia perché era stato ingiustamente accusato di un grave reato mai compiuto, rispose semplicemente che lui voleva starne fuori e che non voleva esserne coinvolto…..un vero vigliacco, altro che fratello massone in sonno.

Il Cavaliere, minacciò il piccolo imprenditore due giorni dopo, dicendogli che gli avrebbe portato addirittura la polizia vaticana oltre che la polizia dell’isola a casa sua, ma il piccolo imprenditore che non aveva nulla da nascondere perché nel frattempo aveva già avvertito i suoi avvocati nel suo Paese ed i fratelli massoni dell’isola che sono costretti a nascondersi per paura di ritorsioni degli organi religiosi e governativi ed i fratelli massoni del suo Paese di provenienza e della Gran Bretagna dove il vertice della massoneria è il più importante personaggio mondiale, non scese a compromessi e non si interessò alle minacce del Cavaliere.

A quel punto, si rivolse al superiore dei Cavalieri chiedendo di essere messo davanti al tribunale Massonico in congiunzione con il tribunale dei Cavalieri per avere giustizia, ma, dato che il Cavaliere si era creato ad arte un falso ordine cavalleresco nel Paese di provenienza del piccolo imprenditore, con l’ausilio di un ex Senatore dello Stato del piccolo imprenditore, il superiore dei Cavalieri gli disse che nulla era in suo potere se non dargli appoggio morale come si deve ad un fratello che ha subito così tanti torti.

Il piccolo imprenditore, per mettere in salvo la sua famiglia più che sé stesso, e temendo per l’incolumità dei propri cari, dato che il Cavaliere aveva anche radici profonde in un isola del Paese di provenienza del piccolo imprenditore ma dove la mafia l’ha sempre fatta da padrone, decise di tornare subito nel suo Paese mettendosi a disposizione delle sue autorità competenti e parlando con un rappresentante del suo Stato.

Il piccolo imprenditore non cedette mai ai ricatti, alle estorsioni, ai tentativi di intimidazione mafiosa che aveva subito nell’isola ma al rientro nel proprio Paese, ricominciò a piccoli passi nella lenta ripresa lui e la sua famiglia rivolgendosi alle autorità che investigando, avrebbero poi trovato un incidente diplomatico nei suoi racconti e soprattutto comprovato quanto lui aveva raccontato.

Il Cavaliere, il grande imprenditore di mitili, pensavano che tutto si fosse risolto con il silenzio del piccolo imprenditore che invece, stava richiedendo anche allo Stato Britannico, un’investigazione sul ricatto e tentata estorsione perpetrata ai suoi danni in quanto Director di un’azienda inglese.

Peccato solo che il commercialista e superiore del Cavaliere, dapprima aveva ascoltato e confortato il fratello come fanno i veri cavalieri, poi, non si comprende per quale motivo, aveva iniziato ad allontanarsi per poi scomparire nel nulla con il rammarico ed il dispiacere del piccolo imprenditore.

E come si direbbe in questi casi: “fatti salvi ogni diritto e / o azione, God Save the Queen” e…….attenti, potrebbe essere una bella favola da raccontare ad altri imprenditori, altri poveracci che sono caduti vittime di questi personaggi che hanno avuto nell’immaginazione, avuto a che fare con Malta, Cavalieri e Massoni ed ai giornali dei due Paesi per metterli nella condizione di agire secondo le leggi in cui il piccolo imprenditore ha sempre creduto ma soprattutto nelle rispettive ambasciate perchè facciano giustizia.

Questa favola non ha ancora avuto un esito negativo, né un epilogo positivo, ma il finale è ancora tutto da scrivere e soprattutto, vorremmo ricordare ai Massoni chi è a capo della massoneria in Gran Bretagna e che nessuno può essere al di sopra delle leggi di uno Stato di diritto o deve essere costretto a nascondersi perchè Massone.

Speriamo solo che questa venga compresa come favola e che nessuno debba mai fare la triste fine della giornalista Daphne Caruana Galizia come avevano lasciato intendere al piccolo imprenditore.

Noi, ricordando sempre che questa è una favola e quindi espressione di fantasia, siamo a ricordare a tutti che “Ogni riferimento a persone e luoghi esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale” e nulla può essere legato a Malta, Cavalieri e Massoni

ADT  Londra 25 gennaio 2020Malta, Cavalieri e Massoni - Cavaliere - Imprenditore - Massone - World News

Malta e le tasse societarie

Malta e le tasse societarie, pur essendo uno degli Stati europei ed utilizzando la moneta unica è stata spesso falsamente considerata un paradiso fiscale al pari di Panama non pensando che quest’ultimo Stato ha una tassazione ed una gestione societaria molto simile a quella del Delaware (USA).

Malta e le tasse al 35% NON è certo uno degli Stati più convenienti se messa al confronto di altri Paesi europei maggiormente qualificati ed avanzati e con sistemi bancari aperti al tessuto societario aziendale.

Malta e le tasse societarie

Bisogna anche sfatare il mito di poter pagare “solamente” il 5% di tasse societarie a Malta, in quanto non è corretto dare questa incompleta informazione a chi desidera operare seriamente in questo Stato che tra l’altro è come un’oasi nel deserto per le sue bellezze storiche, il clima e la tranquillità che un Governo geo-politicamente stabile e democratico è riuscito a dare a chi vive in questo luogo.

La pianificazione societaria è importante per l’imprenditore che intende internazionalizzare una propria azienda, anche costituendola a Malta, ottimizzando un carico fiscale spesso pesante in altri Stati europei quale l’Italia ed ottenendo benefici riconosciuti spesso solo alle Ltd (società Limited) al pari di quelle britanniche ma con tassazione eccessiva se messa a confronto con servizi ricevuti.

La diversità del diritto societario a volte può generare preoccupazione, in quanto già l’apertura di una società in uno Stato estero è un trauma ed è quasi sempre piena di domande, le cui risposte si otterranno solo con il tempo o con l’aiuto di una società di consulenza che ci eviterà eventuali errori involontari specialmente quando avrete a che fare con avvocati ai quali dovrete sempre richiedere di esibire il tesserino di iscrizione all’ordine (ve ne sono molti che si spacciano per avvocati), medici ai quali consigliamo di richiedere sempre di esibirvi il tesserino di iscrizione all’ordine, nobili dei quali consigliamo vivamente di diffidare in quanto molto spesso falsamente accreditati grazie a notai compiacenti e non semplici da scoprire, governativi dei quali dovrete sempre verificare il loro biglietto da visita e tante altre figure con le quali il manager entrerà in contatto, perché in un mondo sociale così piccolo si nascondono moltissime più insidie e millantatori necessitando di una vostra maggiore attenzione e come diciamo sempre: “Tutto il mondo è Paese”.

Per l’imprenditore che decide di aprire una società a Malta, possiamo dire che tali entità godono del diritto societario molto simile a quello inglese, infatti questo Stato ha ereditato dalla Gran Bretagna le cose migliori, consentendo la realizzazione di business d’eccezione e statali privilegiati al confronto con altri Stati, ma rapporti bancari veramente pessimi, che fanno solo perdere tempo al manager che cerca di aprire un semplice conto corrente pur avendo tutte le carte in regola.

Nel rispetto della legalità, il manager potrà ottenere vantaggi a nuovi mercati con l’apertura della sua azienda, l’ottenimento di costi aziendali ridotti, normative semplici e comprensibili e soprattutto uno Stato fiscale molto semplificato che lo aiuterà nelle relazioni con soggetti stranieri nel momento in cui se ne dovesse presentare la necessità.

Le tasse societarie di Malta sono moderatamente elevate anche in rapporto ai servizi che vengono erogati ed alla grandezza ed offerta che lo Stato maltese è in grado di dare, attestandosi ad un 35% sull’imponibile ed un’I.V.A. locale che non supera al momento il 18%.

Ma non bisogna essere dei geni della finanza per capire che le tasse in Gran Bretagna sono agevolate al 19% e ciò dovrebbe farci comprendere che, prima di aprire una società a Malta, possiamo benissimo aprirne una in Inghilterra che diverrà a sua volta il maggior azionista, quindi, in base al Tax Refund sui proventi, una volta effettuata la ripartizione degli utili societari e pagate le roialty oltre che aver mensilmente girato la quota per i lavori svolti dalla società britannica, o per il marchio da quest’ultima detenuto e ceduto in forma di sharing contrattualizzandolo, la nostra tassazione maltese si sarà abbassata notevolmente e proprio grazie al tax refund, la società britannica potrà richiedere allo Stato maltese il 30% sulle tasse pagate sui i propri dividendi, portando la tassazione sulla propria quota al 5% sull’imponibile rimasto tolte le spese societarie.

Fermo è il punto che in Gran Bretagna le tasse sugli introiti della società dovranno essere pagate al 19% ma questa è un’altra storia ed è secondo noi, molto più interessante per un manager.

Il fatto di pagare il 5% di tasse sugli utili maturati da un socio a Malta, si applica anche quando tale soggetto non ha residenza a Malta ed infatti anch’egli avrà diritto alla restituzione del 30% ma, dovrà ottemperare al pagamento delle tasse nel proprio Stato di appartenenza sul Capital Gain ottenuto (il 26% sul dichiarato per chi è italiano); tale situazione non si potrà applicare ad un residente maltese o cittadino maltese che dovrà pagare le tasse per l’intero importo, ma anche questa è un’altra storia.

La SHADOIT BUSINESS CONSULTANCY LTD, grazie alla grande esperienza e professionalità dei propri consulenti, affianca e costruisce insieme ai potenziali imprenditori a Malta, situazioni perfettamente legali atte ad ottenere risparmi sui costi senza dover ricorrere ad artifizi finanziari che potrebbero generare situazioni fiscali controverse ma utilizzando ed avvalendosi di sistemi bancari efficienti esterni allo Stato maltese dove, come già detto, esistono problematiche non indifferenti per aprire sia un conto corrente personale che un conto corrente societario, pianificando e studiando costi di gestione bassi, ottimizzando il lavoro delle imprese, mettendo a disposizione personale esperto che affianca il manager, coadiuvando l’impresa con l’enorme esperienza informatica e finanziaria, consigliando situazioni dove il costo del lavoro sia basso rispetto a quello dello Stato di provenienza.

Le soluzioni per realizzare i propri sogni esistono ma, non bisogna improvvisare ed affidarsi a consulenti di provata esperienza

I nostri consulenti sono a vostra completa disposizione, se siete seriamente interessati non pensateci e contattateci

.

Malta e le tasse societarie