Qatar 2022 return to slavery

Qatar 2022 return to slavery - Welcome Qatar - welcomeqatar - World News Qatar 2022 or should we say Welcome Qatar, but not in prehistory, but in a modern era that should take us to a civilized country of the 21st century for the next World Cup announced with such clamor by FIFA Qatar 2022 ritorno alla schiavitù - Welcome Qatar

Qatar 2022 return to slavery or is it better to emphasize that the Emir of Qatar is working to give light to the beauty of his kingdom, always in problematic relations with the state of Israel but especially with the United Arab Emirates and gloat listening to a chorus of “Welcome Qatar” ?

Has the Qatarian kingdom receiving a good polish given its Emir the possibility to bring fresh money into its coffers?

Did the Emir take advantage of the opportunity presented to him with the World Cup Qatar 2022?

But Qatar 2022 has a lot of dust under the carpet, and it is dust, unfortunately, obtained with the enslavement of the workers of Nepal and Bangladesh.

This information cannot be denied even if the major newspapers of some European countries are trying to pass the news on quiet, contrary to what Amnesty International denounces with overwhelming evidence the abuses perpetrated on the skin of workers used to the limit of slavery and engaged in the construction of sports facilities.

Qatar 2022 was born in the shadow of news that should upset civil society, but especially FIFA, which is its promoter, where the Qatari kingdom arrives to accept abuses against those who need to work, allowing them to engage with “recruiters” in the payment of sums ranging from 500 to 4300 dollars and putting the workers in a position to not know how to pay off their debt and finally be able to say welcome Qatar.

Both the Nepalese government and the government of Bangladesh, admitted that there were many deaths for Qatar 2022, later there was a television documentary according to which the dead workers were around 1400 and they were all human beings helping to build the football stadiums for the Qatar 2022 World Cup.

This news should outrage and shudder all those who say they belong to a civil and democratic society, open to multi-culturalism and respect for life in general, but you have to realize that millions of dollars are being made and economic interests are higher than the value that is attributed, by the kingdom of Qatar, to human life and especially to its respect and I don’t think that Indian, Bangladeshi and Nepalese workers can ever say Welcome Qatar or Qatar 2022 slavery.

The question that arises spontaneously is: “but FIFA, after having had the evidence of what perpetrated on the lives of other human beings, how does it accept the continuation of the event in Qatar?”

And those who sit and fight for human rights at the ONU, FAO and many non-governmental organizations for the protection of human life, how come they remain silent?

The conscience of every human being belonging to civil society should feel mortified and not accept such a massacre and, on the contrary, shout out loud the end of this barbarity for the joy of seeing a balloon roll or force the organization of Qatar 2022 and its leaders to be more vigilant and oblige the Qatari leaders to respect human life and safeguard human life avoiding the so-called white deaths and quickly liquidate those who have demanded the leap from the workers.

Many people thought that slavery was just a bad episode and horrible path of human beings towards other human beings, but in the 21st century, discovering that this abomination still exists should create discomfort in each of us or not make us say welcome Qatar.

Amnesty International has proved the overwhelming power of the “recruiters” with the complete alienation of employment contracts, making human beings live in dilapidated shacks stacked as in a camp worthy of the Second World War, poorly paid and often never paid wages for the return of the commitment made by the worker and the seizure of the passports of the same workers are abuses to which we should put an end, putting an end to the World Cup Qatar 2022 and assigning the event to another country certainly more democratic, liberal and civil.

It’s horrible in 2020 to have to bring up a past that is now far away and that many people would like to forget, that has brought incredible suffering to the people of Israel, but of course, the treatment that was given to the workers of Nepal and Bangladesh is no different and only the atrocities that were perpetrated in the past are missing and we think that perhaps the Emir of Qatar could put an end to this havoc so that his kingdom is not remembered as we all remember Germany in 1940-1945.

We have also found job advertisements for workers from India in an independent and non-governmental newspaper, as many may think, welcomeqatar, and we wonder why an information magazine that should be independent does not report the news and, on the contrary, sponsors the event and inserts research ads for Indian workers?

We think that everyone has the right democratically and freely to think as he wants, we just think that it should dissuade those who need work for the event Qatar 2022 and avoid them to end up in slavery.

ADT – London 9 January 2020

CLICK ON FLAG FOR ITALIAN LANGUAGE Qatar 2022 ritorno alla schiavitù - Welcome Qatar

Qatar 2022 ritorno alla schiavitù - welcomeqatar - World News

Qatar 2022 ritorno alla schiavitù

Qatar 2022 ritorno alla schiavitù - Welcome Qatar - welcomeqatar - World NewsQatar 2022 o dovremmo dire Welcome Qatar, ma non nella preistoria, ma in un’era moderna che dovrebbe portarci in un Paese civile del 21° secolo per i prossimi mondiali di calcio annunciati con tanto clamore dalla FIFA   Qatar 2022 return to slavery - Welcome Qatar

Qatar 2022 ritorno alla schiavitù o è meglio mettere in risalto che l’Emiro qatariano si stia adoperando per dar luce alle bellezze del proprio regno, da sempre in rapporti problematici con lo stato di Israele ma soprattutto con gli Emirati Arabi Uniti e gongolarsi ascoltando un coro di “Welcome Qatar” ?

Il regno qatariano ricevendo una bella lucidata ha dato forse al suo Emiro la possibilità di portare denaro fresco nelle proprie casse ?

L’Emiro ha approfittato dell’ occasione che gli si è presentata con i mondiali di calcio Qatar 2022 ?

Ma di polvere sotto il tappeto Qatar 2022 ne ha molta ancora prima di cominciare, ed è polvere purtroppo, ottenuta con la messa in schiavitù dei lavoratori del Nepal e del Bangladesh.

Queste informazioni non possono essere smentite anche se i maggiori quotidiani di alcuni Stati europei stanno cercando di far passare la notizia in sordina, contrariamente a quanto denunciato da Amnesty International che evince con prove schiaccianti gli abusi perpetrati sulla pelle degli operai utilizzati al limite della schiavitù ed impegnati nella costruzione degli impianti sportivi.

Qatar 2022 nasce all’ombra di notizie che dovrebbero sconvolgere la società civile, ma soprattutto la FIFA che ne è promotrice, dove il regno qatariano arriva ad accettare soprusi verso chi ha bisogno di lavorare, consentendogli di impegnarsi con “reclutatori” nel pagamento di somme che vanno dai 500 ai 4300 dollari e mettendo gli operai in condizione di non sapere come estinguere il proprio debito e poter dire finalmente welcome Qatar.

Sia il governo nepalese che il governo del Bangladesh, hanno ammesso che ci sono state molte morti per Qatar 2022, in seguito c’è stato un documentario televisivo secondo cui i lavoratori deceduti si aggirano intorno alle 1400 unità ed erano tutti esseri umani che contribuivano a costruire gli stadi di calcio per la Coppa del Mondo Qatar 2022.

Queste notizie dovrebbero indignare e far rabbrividire tutti coloro si dicono appartenere ad una società civile e democratica, aperta al multi culturalismo ed al rispetto della vita in generale ma bisogna rendersi conto che di dollari ne stanno girando a milioni e gli interessi economici sono superiori al valore che viene attribuito, dal regno del Qatar, alla vita umana e soprattutto al suo rispetto e non penso che i lavoratori indiani, del Bangladesh e nepalesi possano mai dire Welcome Qatar o Qatar 2022 schiavitù.

La domanda che sorge spontanea è: “ma la FIFA, dopo aver avuto le prove di quanto perpetrato sulla vita di altri esseri umani, come fa ad accettare il proseguo dell’evento in Qatar ?”

E coloro che siedono e si battono per i diritti umani all’ONU, alla FAO ed in tante Organizzazioni non Governative per la salvaguardia della vita umana, come mai rimangono in silenzio ?

La coscienza di ogni essere umano appartenente alla società civile dovrebbe sentirsi mortificata e non accettare uno scempio del genere ed anzi, gridare a gran voce la fine di questa barbaria per la gioia di veder rotolare un pallone o obbligare l’organizzazione di Qatar 2022 ed i suoi responsabili a vigilare maggiormente ed obbligare i vertici qatariani al rispetto della vita umana ed alla salvaguardia della vita umana evitando le cosiddette morti bianche e liquidare velocemente coloro che hanno preteso il balzello dai lavoratori.

In molti pensavamo che la schiavitù fosse solo un brutto episodio ed orrido cammino degli esseri umani verso altri esseri umani, ma nel 21° secolo, scoprire che ancora esiste quest’abominio dovrebbe creare disagio in ognuno di noi o non farci dire welcome Qatar.

Amnesty International ha provato lo strapotere dei “reclutatori” con la completa alienazione dei contratti di lavoro, il far vivere esseri umani in baracche fatiscenti accatastati come in un lager degno della seconda guerra mondiale, i salari mal pagati e spesso mai pagati per la restituzione dell’impegno preso da parte del lavoratore ed il sequestro dei passaporti dei medesimi lavoratori sono soprusi ai quali bisognerebbe mettere la parola fine, mettendo la parola fine anche ai mondiali Qatar 2022 ed assegnando l’evento ad un altro Paese sicuramente più democratico, liberale e civile.

E’ orribile nel 2020 dover rivangare un passato oramai lontano e che in molti vorrebbero dimenticare, che ha portato sofferenze incredibili nel popolo di Israele, ma certo, il trattamento che è stato riservato ai lavoratori nepalesi e del Bangladesh non è diverso e mancano solo le atrocità che furono perpetrate nel passato e pensiamo che forse l’emiro del Qatar potrebbe mettere la parola fine a questo scempio per non far ricordare il suo regno al pari di come noi tutti ricordiamo la Germania del 1940-1945.

Noi abbiamo trovato annunci di lavoro anche per operai provenienti dall’India su un giornale indipendente e non governativo, come tanti possono pensare,welcomeqatar , e ci domandiamo come mai una rivista di informazione che dovrebbe essere indipendente non riporta la notizia ed anzi, contrariamente sponsorizza l’evento ed inserisce annunci di ricerca per lavoratori indiani?

Pensiamo che ognuno ha il diritto democraticamente e liberamente di pensarla come vuole, pensiamo solo che dovrebbe dissuadere chi ha bisogno di lavoro per l’evento Qatar 2022 ed evitargli di finire in schiavitù.

ADT – London 9 January 2020

CLICK ON FLAG FOR ENGLISH LANGUAGE  Qatar 2022 return to slavery - Welcome Qatar

Qatar 2022 ritorno alla schiavitù - welcomeqatar - World News