Windows Defender Antivirus è utilizzato nel sistema operativo Microsoft Windows 10 e sistemi più recenti quale il Microsoft Windows 2012 e 2016 Server e lo possiamo ritenere sicuro al pari di altri software terze parti a pagamento quali Kaspersky, Avira, AVG, Comodo ed altri antivirus più o meno conosciuti

Windows Defender Antivirus

Windows Defender Antivirus risulta maggiormente integrato con la nascita del nuovo sistema operativo desktop Windows 10, mostrando la Microsoft Corporation impegnata ad includere un sistema di protezione completamente rinnovato e soprattutto integrato con il nuovo sistema operativo, facendo nascere dubbi e soprattutto mettendo in discussione l’installazione di antivirus a pagamento blasonati.

A detta degli ingegneri di Google quali Justin Schuh, che è tra l’altro uno degli sviluppatori del famoso browser Google Chrome, e di Robert O’Callahan, ex sviluppatore di Firefox, gli antivirus a pagamento detti anche software terze parti, rallentano i sistemi operativi fino all’inverosimile e ciò lo si evince maggiormente dal momento in cui lavoriamo in più utenti con il desktop remoto, e creano non pochi problemi agli sviluppatori dei vari browser che, al giorno d’oggi, consentono l’utilizzo di risorse spesso imprescindibili dal nostro lavoro quotidiano.

Ma non è tutt’oro quello che luccica, in quanto il problema di Windows Defender è che la Microsoft Corporation lo ha reso quasi nascosto agli occhi dell’utente, inserendolo tra le voci delle impostazioni di sicurezza del sistema operativo che quasi mai vengono consultate dall’utente medio.

Per quanto riguarda la sicurezza nelle scansioni e nella rilevazione dei virus informatici che da sempre prediligono il Microsoft Windows laddove Windows Defender non ha nulla da invidiare agli altri antivirus, ed anzi, le ricorsioni di aggiornamento e scansione possono essere programmate o venire assicurate automaticamente dal sistema operativo ed il riconoscimento delle impronte virali risulta ad altissima sicurezza oltre che non influire negativamente sulle performance del sistema operativo.

Non bisogna dimenticare che esistono varianti particolari di maleware, ransomware, trojan, virus, spyware, warm e quant’altro il crimine informatico abbia avuto il coraggio di creare ma esistono strumenti di gran lunga più sicuri ed economici da affiancare al Windows Defender Microsoft, che non influiscono assolutamente sulla velocità di esecuzione del sistema operativo nemmeno durante sessioni in multi utenza di desktop remoto e soprattutto, rendono più sicuro il nostro lavoro proteggendoci adeguatamente ed a costo quasi irrisorio con le competenze di Malewarebytes.

Molti antivirus sostengono di intervenire sul nostro firewall ma spesso creano solo falle o problemi di connessione, tra l’altro con motivazioni psicologiche che cercano di instaurare la paura di possibili compromissioni di sistemi e dati a causa dell’intrusione di cracker.

La Microsoft ovviamente, dobbiamo tener sempre presente, che ha progettato nel suo sistema operativo un firewall completamente integrato che rende perfettamente inutile e deleterio l’utilizzo di firewall terze parti che vanno invece ad inficiare quanto gli ingegneri hanno progettato in fase di creazione del sistema operativo stesso.

Windows Defender Antivirus accoppiato all’ottimo ed economico Malewarebytes, rimane il sistema principe per rendere sicuro l’ambiente di lavoro e non bisogna lasciarsi incantare dal fatto che un antivirus asserisce di aver eliminato un certo tipo di virus ed un’altro dice di averne tolti altri, ricordando che sono spesso consuetudini commerciali per attrarre l’utente e fargli spendere inutilmente soldi per l’acquisto, per il rinnovo delle licenze e per la manutenzione ordinaria vantata da tecnici manutentori senza scrupoli impegnati solo al profitto personale.

Back Blog I.T.

Tagged .